SEI IN > VIVERE TRANI > CRONACA
articolo

Truffa sui bonus edilizi, un arresto e sequestri per 6 milioni di euro

1' di lettura
12

I finanzieri del Comando Provinciale di Barletta hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e due misure interdittive del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale nei confronti di tre persone indagate per una truffa nell’ambito del Sismabonus e del Bonus Facciate.

Contestualmente è stato eseguito il sequestro di beni per un valore di oltre 6 milioni di euro. Le indagini, coordinate dalla Procura di Trani e condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Barletta, hanno accertato la strumentalizzazione delle agevolazioni dei bonus edilizi e della cessione a terzi del credito d’imposta.

L’operazione costituisce il seguito di un altro provvedimento di sequestro eseguito lo scorso ottobre nei confronti di 5 persone e 4 società indagate a vario titolo per truffa aggravata ai danni dello Stato. in tale circostanza gli indagati, attraverso la comunicazione all’Agenzia delle Entrate di una moltitudine di cessioni di credito con dati non veritieri, avrebbero attestato l’esecuzione di lavori edili di rilevante valore mai eseguiti e su immobili inesistenti o appartenenti a soggetti del tutto inconsapevoli.

Le nuove indagini hanno acclarato che i crediti illecitamente maturati venivano poi ricevuti nel “cassetto fiscale” delle società, accettati e successivamente reimpiegati nelle attività economiche delle medesime, al fine di compensare (indebitamente) le imposte dovute, neutralizzando di fatto la pretesa erariale dello Stato.



Questo è un articolo pubblicato il 19-01-2024 alle 12:18 sul giornale del 20 gennaio 2024 - 12 letture






qrcode